Alberi-habitat, elementi chiave per la salvaguardia della biodiversità

Italia
Dimostrare il ruolo degli alberi antichi nelle aree urbane all'interno del parco storico Giardini Indro Montanelli in Italia

Alberi-habitat, elementi chiave per la salvaguardia della biodiversità

Porteur du projet
logo L’Universita Degli Studi di Milano-Bicocca

Durée du partenariat
2022

Situation
Italia

Partager ce projet

Il progetto e le sue sfide

Gli alberi vecchi e grandi, o alberi-habitat, presentano caratteristiche importanti che forniscono risorse alla fauna e svolgono un ruolo cruciale nei loro ecosistemi. Sono insostituibili, in quanto hanno organismi che vanno dai 100 agli 800 anni, mentre quelli piantati oggi avranno bisogno di almeno un secolo prima di raggiungere un ruolo funzionale simile all’interno dell’ecosistema. Questo aspetto è particolarmente importante per le città, dove la frammentazione degli habitat ostacola il mantenimento della biodiversità nonché il funzionamento e la resilienza degli ecosistemi. La manutenzione dei vecchi alberi è ostacolata dalla mancanza di consapevolezza e di studi scientifici sulla loro importanza da parte di chi ne è responsabile.

Il parco storico del centro di Milano, i Giardini Indro Montanelli, è anche il luogo in cui si trova il museo di storia naturale. È stato il primo parco pubblico di Milano nel 1700 e molti alberi, come metasequoie, querce e cedri, risalgono a quell’epoca.

Oggi il parco appartiene al comune di Milano, che attua pratiche di gestione degli alberi basate principalmente sul carattere ornamentale o fitosanitario oppure a scopo di sicurezza. La tendenza è quella di rimuovere gli alberi vecchi per raggiungere l’obiettivo di 3 milioni di alberi piantati sul territorio della città metropolitana di Milano entro il 2030. Di conseguenza, sono stati fatti molti investimenti in nuove piantumazioni, ma non esiste alcun progetto finalizzato al mantenimento dei vecchi alberi.

L’Università degli Studi di Milano-Bicocca desidera cambiare l’attuale gestione degli alberi urbani e studiarne gli organismi viventi. Questo progetto pilota mira a sviluppare e testare metodologie innovative per lo studio degli alberi nelle aree urbane, quindi a comunicare efficacemente la loro importanza per il funzionamento e la resilienza degli ecosistemi.

La Maisons du Monde Foundation contribuisce a sostenere l’Università degli Studi di Milano-Bicocca nel suo progetto di prosecuzione della salvaguardia degli alberi antichi dello storico parco Giardini Indro Montanelli, che svolgono un ruolo predominante nella preservazione della biodiversità.

Grazie alla collaborazione con la Maisons du Monde Foundation, il progetto creato dall’Università mira a:

  • Studiare il numero e il tipo di organismi che vivono negli alberi monumentali urbani attraverso 1 indagine per stagione
  • Sperimentare una tecnica di campionamento innovativa: l’arrampicata sugli alberi
  • Sensibilizzare i non esperti sul ruolo degli alberi antichi nel mantenimento della biodiversità attraverso 2 eventi pubblici e 2 laboratori didattici
  • Promuovere l’arboricoltura conservativa presso esperti di alberi e tecnici attraverso 1 workshop

I beneficiari

I beneficiari diretti sono:

  • Le persone non esperte che parteciperanno ai due eventi organizzati
  • I bambini che parteciperanno ai due laboratori didattici
  • Le persone che visiteranno il sito web (http://www.biotreeversity.com/)
  • Gli esperti che parteciperanno al workshop organizzato appositamente per loro
  • Le persone che visiteranno la mostra permanente
  • Il comune di Milano in considerazione della gestione di un anno dei suoi alberi con l’arboricoltura conservativa

Gli altri beneficiari sono i cittadini sensibilizzati dalla diffusione delle idee, che avranno una maggiore considerazione per gli alberi vecchi e che beneficeranno dei vantaggi indiretti della conservazione della biodiversità nelle città.

I vantaggi del progetto

L’approccio innovativo dell’Università di Milano si basa sulla volontà di coniugare la salvaguardia della biodiversità, lo studio scientifico e la sensibilizzazione del pubblico. Ciò significa cambiare la mentalità dei cittadini e delle autorità pubbliche riguardo all’importanza degli alberi antichi, ma anche intervenire sulla politica della città.

logo L’Universita Degli Studi di Milano-Bicocca

Porteur du projet L’Universita Degli Studi di Milano-Bicocca

L'Università degli Studi di Milano-Bicocca è stata fondata nel 1998 allo scopo di fare della ricerca la base strategica di tutte le sue attività istituzionali. Tra il 1998 e il 2006, il Campus è diventato parte integrante del quartiere; oggi, questa integrazione continua con nuovi progetti, lo sviluppo di residenze per gli studenti e il costante miglioramento dei servizi e delle infrastrutture. Il suo ruolo non si esprime solo nella sua funzione di istruzione superiore, ma anche come centro attivo dell'economia, attraverso l'uso e la diffusione delle conoscenze prodotte dalla ricerca e dalle iniziative di trasferimento di tecnologie.

L'Università degli Studi di Milano-Bicocca è attiva in moltissimi ambiti di ricerca, grazie in particolare ai suoi numerosi dipartimenti, centri di ricerca e di eccellenza. Nel 2015, è stata inserita al 24° posto della classifica mondiale delle 100 migliori università con meno di 50 anni, e al 1° posto in Italia. Vanta inoltre una vasta esperienza nella gestione di progetti nazionali, internazionali ed europei.


Voir le site